Informativa

Cinque cose corrette in The Cursed Child

Harry Potter e la Maledizione dell’Erede è uno script molto criticato, ma nessuno ha mai fatto caso agli insegnamenti e alle risposte che ci ha dato.

Analizziamo quindi cinque cose corrette che The Cursed Child ci ha riportato

  1.  Conclusioni mancanti.

    L’epilogo ci è stato fornito da i Doni della Morte, ma ci sono state più domande che risposte. Cos’è successo in quei diciannove anni? In che case di Hogwarts finiscono Albus e Rose? Le relazioni tra Potter, Weasley, Granger e Malfoy come si sono evolute nel 2017? Chi è esattamente la moglie di Draco, Astoria? Con la Maledizione dell’Erede possiamo trarre numerose conclusioni. Abbiamo aspettato diciannove anni per queste risposte, e finalmente è bello avere un più di storia da analizzare.


  2. La nuova immagine di Draco.

    Il Principe Mezzosangue e I Doni della Morte hanno mostrato un aspetto diverso di Draco, dimostrando di essere un personaggio più complesso di quanto gli era stato accreditato in origine, dimostrando di aver molta più umanità. L’adolescente arrogante diventa un vedovo spezzato, che cerca di capire suo figlio. Draco diventa più di un Malfoy e si rivela essere qualcuno costretto ad una vita terribile, che ha solo bisogno di un abbraccio.


  3. L’amicizia tra Albus e Scorpius.

    Che siate d’accordo su questo o no, il rapporto di Albus e Scorpius è una rappresentazione di un’amicizia maschile molto vicina, in cui la coppia non è innamorata. Non possiamo negare la mancanza di una rappresentazione LGBTQIA, ma c’è un valore nelle amicizie non sempre eguale all’amore, che sovverte la tradizionale mascolinità. In un’epoca in cui la mascolinità si sta trasformando, è meraviglioso che si promuova la ricerca per rompere stereotipi del genere. Non dovrebbe essere così sottovalutata.


  4. La coppia Ron e Hermione.

    La loro relazione è solida, è presente anche la voglia di rinnovare i propri voti come due amanti, il tutto è immensamente soddisfacente per chi shippa Romione. La forza del loro rapporto, tra la realtà e gli universi alternativi, da sicuramente la certezza che continueranno ad essere felici, non importa ciò che verrà gettato su di loro.


  5. Rivalutare i Serpeverde.

    L’ultimo, ma non meno importante, punto a favore è lo stereotipo del Serpeverde “cattivo”. La casa Serpeverde è sempre stata macchiata della nomina di casa “cattiva”, nei libri originali. Se i libri ci avessero insegnato qualcosa a riguardo, non staremmo qui a parlarne. Abbiamo visto i dubbi da parte dei Grifondoro, dei Corvonero e perfino dei Tassorosso. Attraverso la Maledizione dell’Erede abbiamo visto alcuni Serpeverde sovvertire lo stereotipo che era stato il motivo per cui molti temevano di essere smistati nella Casa. Sì, è troppo tardi, ma alla fine il contrasto vincente è arrivato

 

Abbiamo visto gettare odio e critiche su questo script, ma non è del tutto sbagliato ciò che ci racconta. Basta solo un po’ di attenzione e rileggerlo con cura. Sei ancora convinto che The Cursed Child sia da sottovalutare in questo modo?

LEGGI ANCHE

Commento a freddo su The Cursed Child

The Cursed Child merita davvero una possibilità?

The Cursed Child è un flop?

Articoli correlati: