Informativa

Ezra Miller riflette sul finale dei Crimini di Grindelwald

miller

La rivelazione che l’Obscurus una volta chiamato Credence sia Aurelius Silente, ossia un fratello prima d’ora sconosciuto di Albus, ci ha scossi tutti.

In due interviste recenti, Ezra Miller ha condiviso i suoi pensieri sul plot twist finale del film, compresa la sua reazione quando ha scoperto la vera identità di Credence e cosa pensa succederà al suo personaggio nei prossimi capitoli.

In un’intervista per IGN, Miller ha rivelato che la sua reazione quando ha scoperto di Aurelius è stata tanto drastica quanto la nostra – specialmente perché, a causa di un fraintendimento con David Heyman, Miller all’inizio pensava che la vera identità di Credence fosse Aberforth Silente.

Gli ho detto “Aspetta un secondo, David, come fa il mio accento a diventare inglese? Come fanno i miei occhi a diventare blu? Non ha assolutamente senso.” E lui mi ha detto “È tutto quello che so; è tutto quello che posso dirti per adesso.” Praticamente, pensavo fossi Aberforth Silente, il fratello conosciuto di Silente, e David… eravamo su un bus rumoroso. È stato un fraintendimento.

Per fortuna, Jo è riuscita a chiarirgli le idee qualche settimana dopo.

Vedo Jo e le dico “Jo, Jo, Jo. Come mi viene l’accento inglese? Come fa ad avere senso? Sappiamo dov’era Aberforth quando è nato.” E Jo mi dice “Te l’ha detto David Heyman?” Rispondo di sì e lei “Oh, no. Non sei Aberforth; sei Aurelius.” E io “E chi è?” “Nessuno sa di lui tranne me, caro, e te adesso.”

Entrambe le conversazioni hanno avuto luogo nel 2016, ciò significa che Miller ha dovuto mantenere il segreto su Aurelius per più di due anni. Dato che abbiamo cercato di non spoilerare il finale ai nostri amici che non hanno visto subito il film, possiamo simpatizzare con lui.

miller

Parlando con Entertainment Weekly, Miller ha condiviso come il venire a conoscenza della vera identità di Credence abbia influenzato la sua interpretazione del personaggio e ha speculato su cosa ci possa essere in serbo per il fratello di Silente.

Appena gli hanno detto che sarebbe entrato nei ranghi dei Silente, Miller ha osservato gli attori che hanno interpretato membri della famiglia in passato per trovare l’ispirazione.

Questo personaggio sta cambiando, sta attraversando cambiamenti fisici in relazione all’Obscuriale, con il quale sappiamo avere un rapporto inusuale. Quindi mentre cambia, mi dà l’opportunità, come attore, di guardare cinque delle mie performance preferite di tutti i tempi – le persone che interpretano Silente e Aberforth.

Sul dubbio che ci poniamo tutti, ossia se Albus sappia o meno dell’esistenza di Aurelius, Miller è all’oscuro quanto noi e pensa che Jude Law possa saperlo, ma chissà. Comunque, Ezra ha fiducia in Jo.

[Jo] conosce benissimo la mitologia e penso che stia cercando di confondere i fan perché dicano “Aspetta, non ha senso!” e poi per poi mostrar loro come in realtà il senso ce l’abbia eccome. Penso che le piaccia quando le persone non capiscono subito. Lo fa anche al cast.

miller

E anche se non sa, o forse non può dire, cosa ci sia nel futuro del suo personaggio, Miller ha proposto la teoria che il prossimo film si concentrerà sulla domanda “perché”; dato che la domanda nel primo film era “cosa?” e nel secondo “chi?”. Ha suggerito che il terzo capitolo di Animali Fantastici farà luce sul perché Aurelius sia stato separato dalla sua famiglia.

Nel frattempo, Ezra è felice di avere la possibilità di essere un po’ cattivo.

Il cattivo fino a un certo punto ha sempre ragione. Il protagonista deve mantenere il suo status quo. Ecco perché ci piacciono i cattivi, perché arrivano e cercano di smuovere le acque. E poi si tratta di riconquistare il potere e la potenza del bene. E Jo fa un lavoro incredibile in quel senso.

I commenti di Ezra Miller cambiano la vostra visione del finale dei Crimini di Grindelwald?

Cosa pensate ci sia in serbo per Aurelius?


Articolo tradotto e adattato da MuggleNet.com

Articoli correlati: