Informativa

Fuga da Azkaban: è possibile?

Com’è possibile fuggire da un luogo così sicuro e sorvegliato come Azkaban senza che nessuno se ne accorga? Due soli maghi in tutta la storia sono riusciti nell’impresa, ecco come hanno fatto.


Azkaban è la prigione di massima sicurezza del mondo magico in cui vengono rinchiusi i peggiori maghi oscuri.
Un luogo senza carcerieri ma continuamente sorvegliato da creature come i Dissennatori.
Queste terribili figure incappucciate e senza occhi sono capaci di percepire le emozioni delle persone e di nutrirsi dei loro ricordi più felici, lasciandole in uno stato d’animo di depressione.

Azkaban e Dissennatori

In tutta la sua storia da quando venne istituita come prigione, Azkaban ha sempre mantenuto il primato di luogo dal quale nessuno riuscisse ad evadere.
Almeno fino agli anni ’90 del secolo scorso.
Sono solo due infatti le evasioni ad oggi note che siano passate inosservate.
Compiute a distanza di poco tempo videro protagonisti Sirius Black e Barty Crouch Junior.

Ma come è stato possibile fuggire da un luogo come Azkaban? Come si scappa da un luogo sorvegliato giorno e notte da migliaia di Dissennatori senza essere notati?


Sirius Black

Sirius Black durante i suoi anni ad Hogwarts imparò insieme ai suoi amici James Potter e Peter Minus a trasformarsi in un Animagus, senza però essere registrato al Ministero della Magia.
Questo fatto si rivelerà poi decisivo per la sua futura fuga dal carcere.

Sirius Black venne portato ad Azkaban nel 1981 dopo essere stato accusato di aver ucciso Peter Minus e dodici babbani.

Una volta in prigione, l’effetto di un così alto numero di Dissennatori si fece presto sentire, indebolendo il fisico e la mente di Black.
Sirius ci mise molti anni prima di riacquistare abbastanza forza per potersi trasformare nella sua forma di Animagus: il cane nero.

Sirius Black Animagus

I Dissennatori non riescono a percepire bene le emozioni degli animali, perché meno complesse di quelle degli esseri umani.
In questo modo Sirius, come Animagus, riuscì a sottrarsi dall’effetto dei Dissennatori.

Sirius un giorno scoprì, tramite un articolo della Gazzetta del Profeta portato da Caramell, durante un ispezione, che Peter Minus era ancora vivo.
Il desiderio di vendetta divenne quindi l’unica cosa che gli permise di restare lucido e di non impazzire del tutto.

Sirius Black Azkaban

Deciso quindi a rintracciare Minus per vendicarsi si trasformò un’altra volta nella sua forma di Animagus.
Questa volta, grazie alla magrezza causata dal deperimento fisico ad Azkaban, riuscì a passare attraverso le sbarre della prigione.

I Dissennatori non si accorsero subito della scomparsa di Black per il semplice motivo espresso poco sopra.
Queste inquietanti creature hanno una certa difficoltà nel percepire le emozioni degli animali.

Il fatto che nessun prigioniero sospettò nulla all’inizio lo si deve alla superstizione. La visione di un enorme cane nero era interpretata dagli altri carcerati come il temuto segno di sventura del Gramo, non come un effettivo animale.


Barty Crouch Junior

Barty Crouch Junior venne condotto ad Azkaban dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver partecipato alla tortura dei due Auror Frank e Alice Paciock. Fu suo padre a giudicarlo colpevole e a condannarlo al carcere.

Barty Crouch Junior processato

Ad Azkaban anche lui, come tutti gli altri prigionieri, risentì presto della presenza di un gran numero di Dissennatori.
Questo, insieme alla malnutrizione e alle dure condizioni di detenzione, finirono per farlo ammalare.
Questo fatto però fu l’espediente per la sua fuga, architettata da sua madre.

La madre era malata e prossima alla morte, così pensò di fare uno scambio tra lei e suo figlio.
Riuscì a convincere un irremovibile Barty Crouch Senior chiedendogli di salvare suo figlio come ultimo desiderio.
Quando i signori Crouch giunsero ad Azkaban avevano con loro anche della Pozione Polisucco.
Sarebbe poi servita per trasformare la signora Crouch in suo figlio e viceversa.

Così i Dissennatori percepirono una persona sana e una morente entrare e sentirono una persona sana e una morente uscire.

La Pozione Polisucco servì a mascherare il figlio di fronte agli altri carcerati e a far credere che la persona rinchiusa nella cella fosse sempre Barty Crouch Junior.

Quando morì, la signora Crouch aveva ancora ancora le sembianze del figlio grazie a una scorta sufficiente di Pozione Polisucco, e in questo modo neanche allora si sospettò nulla.


Queste ingegnose fughe da uno dei posti più sicuri e terrificanti del mondo magico si basano entrambe su un elemento.
La peculiarità delle creature che circondano la prigione si è rivelato anche un punto debole: la capacità di percepire le emozioni e lo stato d’animo da parte dei Dissennatori.

Ovviamente questo non è il solo modo per fuggire da Azkaban, ma di sicuro è l’unico che passa inosservato. L’evasione di massa dei Mangiamorte nel 1996 è un chiaro esempio del contrario.

Articoli correlati: