Informativa

Tutto quello che abbiamo notato nel trailer di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

La bacchetta di Sambuco! Lo specchio delle Brame! Un giovane Newt!

Il nuovo trailer di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald che è uscito ieri al Comic-Con di San Diego ci ha lasciati completamente senza parole. Ma ecco una lista approfondita di quello che abbiamo potuto notare (ma ovviamente se non avete ancora visto il trailer cliccate prima qui):

Il professor Silente nel ruolo del professor Lupin

Il trailer comincia con un flashback di Newt a Hogwarts dove gli viene insegnato a combattere un molliccio da niente di meno che Jude Law nei panni del giovane Albus Silente! Dai libri di Harry Potter sappiamo che Silente insegnava Trasfigurazione quindi è stato uno shock vederlo insegnare Difesa contro le Arti Oscure. Che stava facendo da supplente? In un intervista Jude Law ha dichiarato che Silente non insegnava Trasfigurazione a quell’epoca e dal momento che sappiamo che Silente è un mago con molti talenti probabilmente ha insegnato entrambe le materie.

Questo flashback ci rivela il molliccio di Newt (che vi ricordo che è una creatura che si trasforma nella peggior paura di chi si ritrova davanti) e sorpresa sorpresa non è ne una mummia ne una banshee ne nient’altro di orribile e squamoso ma bensì una scrivania. Infatti scopriamo che la peggior paura di Newt è di dover lavorare in un ufficio.


Il discorso di Grindelwald

La magia sboccia solo in rare anime. Eppure dobbiamo rintanarci nell’ombra. Ma i vecchi metodi non ci sono più utili.

Un Grindelwald decisamente non più imprigionato e con i capelli più corti tiene un grande discorso a quelli che molto probabilmente sono i suoi seguaci. Il discorso tocca temi che abbiamo visto nel primo film di Animali Fantastici dove i maghi americani si nascondono dai NoMag seguendo regole ancora più strette di quelle che abbiamo visto nel Mondo dei Maghi in Europa. Grindelwald dice alla folla che questi metodi “non ci sono più utili” che di sicuro vuol dire una sola cosa: ribellione.


Chi è il Maledictus?

Nuove creature


Il ritorno dello snaso

Quando uscì il primo trailer molti sono andati in panico a causa della mancanza dello snaso. Ma per fortuna siamo più che felici di annunciare che l’amichetto peloso, cleptomane e con la passione per le cose luccicanti di Newt è tornato in quanto lo vediamo uscire dalla sua valigia a Parigi. E siamo sicuri che a Parigi ci saranno un sacco di gioielli luccicanti da trovare.


La confessione di Leta

Zoë Kravitz che interpreta Leta Lestrange finalmente parla nel nuovo trailer e mormora a Newt che ‘non c’è mostro che tu non riesca a non amare’. Hagrid 2.0? Ma qui Leta sta parlando di se stessa o di una nuova creatura di Newt? Non ci è dato saperlo e non vediamo l’ora di novembre per scoprire se Leta fa parte dei cattivi, dei bravi o è una via di mezzo….


Il nuovo trio

E tenendo a mente l’ultima domanda, in una scena vediamo Leta collaborare assieme a Tina e Newt. Forse, nonostante tutti gli altri Lestrange che conosciamo, Leta non è per niente malvagia?


Credence è tornato

Sapevamo già del ritorno di Ezra Miller nel franchise, nonostante la fine ambigua del primo film di Animali Fantastici. Ma non solo Credence è vivo e vegeto in questo film ma è più potente e sembra ribollire di rabbia. O è solo disperazione? Credence sta decisamente imparando a controllare i suoi poteri e come abbiamo visto nello scorso trailer sembra essere in grado di controllare il suo Obscurus adesso. E nonostante sembra essere in una brutta situazione siamo felici di riavere il carismatico Ezra tra i membri del cast.


‘Pensi che Silente possa compiangerti?’

Newt, assieme a suo fratello Theseus, si scontra con Grindelwald in una battaglia feroce. Dietro Grindelwald c’è un personaggio chiamato Vinda Rosier (che vediamo in piedi dietro di lui un paio di volte) che tiene in mano un oggetto orbitale dorato e luminoso. Ma cosa sarà mai?


Il simbolo dei Doni della Morte

Abbiamo visto il simbolo dei Doni della Morte parecchie volte in Animali Fantastici: come collana, nascosto nei poster dei film, nel copione, … . Nel trailer lo intravvediamo scomparire in una polvere di fumo. Ma perché? Sappiamo con certezza dell’ossessione di Grindelwald per i Doni della Morte, un ossessione che condivideva con Silente. E sappiamo di certo che almeno uno dei Doni della Morte sarà presente nel film perché…


Grindelwald ha la Bacchetta di Sambuco

Questo lo conferma. La Bacchetta di Sambuco, uno dei tre Doni della Morte, è in possesso di Grindelwald durante gli eventi di questo film. Non ci si può sbagliare, è la riconoscibilissima bacchetta che abbiamo visto nei film di Harry Potter.

Da quello che sappiamo, la prossima persona a prendere possesso della bacchetta sarà Silente dopo il famoso scontro del 1945. I Crimini di Grindelwald è ambientato negli anni 20. Quindi questo vuol dire che Grindelwald avrà la bacchetta per 2 decadi? Non sembra una bella prospettiva per il mondo dei maghi…


Nicolas Flamel!

Proprio quando pensavamo che il trailer fosse finito, abbiamo una grande sorpresa dopo i titoli di coda: il noto alchimista Nicolas Flamel, il creatore della Pietra Filosofale! Flamel, interpretato da Brontis Jodorowsky, viene scambiato per un fantasma da il povero e perplesso Jacob e la coppia si scambia un imbarazzante e scricchiolante stretta di mano.


‘Il destino di uno, il futuro di tutti’

Queste parole enigmatiche appaiono nel trailer e di sicuro ci stiamo chiedendo chi sia quell’uno. È Grindelwald con la sua visione? È Newt? È Silente? È lo snaso? Okay, magari non è lui ma qui non stiamo escludendo nessuno!

Si spera che tutte le nostre domande vengano risolte con il rilascio di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald che uscirà il 16 Novembre nel Regno Unito (la data ufficiale italiana non è ancora uscita).

Articoli correlati: